Nepenthes x gaya

Scrivi una recensione
| Fai una domanda
Diametro del vaso
€26,95 €30,00risparmi €3,05

La Nepenthes Gaya è una specie affascinante nel mondo delle piante carnivore, appartenente al genere Nepenthes, noto anche come piante ascidiate. Queste piante sono famose per i loro meccanismi di cattura unici, utilizzando ascidi, o brocche, per intrappolare e digerire insetti e altri piccoli invertebrati.

La Nepenthes Gaya è particolarmente nota per la bellezza delle sue ascidi. Queste strutture simili a brocche hanno una colorazione vivace che va dal verde chiaro al rosso, con striature e puntini che attirano le prede. La parte superiore delle ascidi, chiamata peristomio, è spesso di un colore più vivace e svolge un ruolo chiave nel processo di cattura.

Il peristomio è liscio e scivoloso, e quando un insetto si posa su di esso, spesso scivola e cade all'interno della brocca, dove un liquido digestivo lo attende. Questo liquido contiene enzimi che decompongono la preda, consentendo alla pianta di assorbire i nutrienti necessari, in particolare azoto e fosforo, che sono spesso scarsi nei terreni in cui queste piante crescono.

La Nepenthes Gaya, come molte piante ascidiate, cresce in ambienti con suoli poveri di nutrienti, spesso in zone montuose o forestali tropicali. Queste piante sono epifite o terrestri e possono essere trovate in aree come il Borneo, Sumatra, e altre regioni del Sud-Est Asiatico.

Per coltivare con successo la Nepenthes Gaya in ambiente domestico, si dovrebbe cercare di replicare il suo ambiente naturale. Ciò significa fornire un'elevata umidità, temperature calde durante il giorno e più fresche di notte, e una buona esposizione alla luce, ma non diretta. Questa pianta preferisce terreni poveri di nutrienti, spesso utilizzando miscele a base di torba e perlite. È importante evitare l'uso di fertilizzanti tradizionali, che possono danneggiare gravemente.

La Nepenthes × Gaya è un ibrido. Il simbolo "×" nel suo nome scientifico indica che si tratta di un incrocio tra due specie diverse di Nepenthes. Gli ibridi di Nepenthes sono abbastanza comuni nel mondo della coltivazione delle piante carnivore, e sono spesso creati per combinare caratteristiche desiderabili di entrambe le specie genitrici, come la dimensione, la colorazione delle brocche, o la resistenza a determinate condizioni ambientali.

Nel caso della Nepenthes × Gaya, si tratta dell'incrocio tra Nepenthes khasiana e Nepenthes northiana. Questo ibrido è noto per la sua resistenza e per le sue brocche attraenti, che combinano le caratteristiche delle due specie originarie. Le piante ibride come la Nepenthes × Gaya possono mostrare una grande varietà nel colore, nella forma e nella dimensione delle brocche, a seconda della predominanza delle caratteristiche di una delle specie genitrici.

Gli ibridi di Nepenthes sono molto popolari tra gli appassionati di piante carnivore, in parte perché spesso sono più facili da coltivare rispetto ad alcune delle specie "pure", e possono adattarsi meglio a un'ampia varietà di condizioni ambientali, rendendoli scelte eccellenti per i coltivatori principianti o per coloro che non possono fornire condizioni esattamente come quelle dell'habitat naturale delle piante.

 

 

Approfondimento sulle piante carnivore Nepenthes: 

Le Nepenthes si possono dividere in due gruppi, a seconda che provengano da altitudini superiori o meno ai 1000 metri. Questo è importante per capire le temperature di cui avranno bisogno in coltivazione.

Le piante di montagna vivono durante l’anno ad una temperatura media diurna di 20° C, con una forte escursione termica notturna che porta la temperatura fino a 5/10° C. Le piante di pianura invece hanno una media annuale che rimane intorno ai 20/30° C, con massime di 40° C e senza notevoli escursioni termiche.

Per la coltivazione delle specie di montagna (tanto popolari per la loro bellezza quanto problematiche perché lente e difficili) la cosa più importante in assoluto è mantenere temperature notturne molto basse. Una buona luce, un buon composto e una buona umidità non possono sostituire la giusta temperatura! Terreno.

Non perdete il sonno cercando chissà quali ingredienti per il vostro terriccio, un composto di torba e perlite in parti uguali andrà più che bene. Se non trovate la perlite potete usare la sola torba, ma in questo caso abbinata a vasi terracotta e non di plastica, che la farebbero marcire in poco tempo.

Acqua. E’ importante usare SOLO acqua piovana oppure distillata, demineralizzata o deionizzata (le trovate in qualunque supermercato). Di solito viene suggerito di non innaffiare dal basso mettendo l’acqua direttamente nel sottovaso: se le piante sono sane e rigogliose questa regola non è certo ferrea, nella stagione di piena crescita si possono tranquillamente lasciare con la base del vaso in mezzo dito d’acqua.

Umidità. Nel caso non abbiate una serra o un giardino, dove l’umidità può essere tenuta ad un livello sufficiente (dal 50% al 70% ), le specie più delicate o ancora molto giovani possono essere tenute in terrario. Non è necessario cercare in continuazione un’alta umidità: solo il passaggio troppo veloce ad una bassa umidità è dannoso.

Luce. L’errore commesso più frequentemente nella coltivazione delle Nepenthes è la scarsa illuminazione. Esse vivono in natura in spazi esposti, solitamente radure, più raramente come epifite o appese a pareti verticali. In coltivazione si Nepenthes devono quindi tenere al sole diretto per almeno mezza giornata, o ancor meglio per tutto il giorno; solo il passaggio troppo veloce al sole diretto è dannoso. Gli spostamenti graduali di luce e umidità non creano problemi, alcune delle foglie vecchie seccheranno ma quelle nuove nasceranno già adattate al nuovo regime.

Tinte rosse sulle foglie, sul fusto e sugli ascidi sono sintomo di buona salute e luce ottima, mentre tante foglie, pochi ascidi e un colore verdastro generalizzato sono sintomi di scarsa illuminazione.

Ambiente. Quando in autunno le temperature si abbassano le piante andranno ovviamente ritirate in casa e lasciate a pochi centimetri dalla finestra più luminosa che avete, senza tende di mezzo. Le foglie più basse ingialliranno, gli ascidi seccheranno e le nuove foglie saranno brutte e senza trappole. In primavera si riprenderanno. Nel frattempo tenete il composto appena umido.

Rinvaso. Pensate che la vostra pianta cominci ad essere un po’ grande per il suo vaso? Levatela delicatamente da quest’ultimo e controllate se le radici hanno ormai fatto più volte il giro del pane di terra. In tal caso rinvasatela in un contenitore grande anche il doppio, ma senza toccare il vecchio pane di terra. Il fatto che siano prodotte foglie sempre più piccole e che infine la crescita si fermi sono sintomi di un vaso troppo piccolo.

Note. Dopo esservi assicurati che nelle trappole ci sia il caratteristico liquido digestivo (se non c’è, aggiungete semplicemente un po’ d’acqua) potete cibare le piante con insetti o piccoli pezzi di pollo crudo. Mettetene piccole quantità e mai riempire più di un terzo del liquido sul fondo.

Una pianta che ha superato un’altezza di qualche decina di centimetri può improvvisamente smettere di fare ascidi, pur mantenendo lo stesso ritmo di crescita. E’ ora di potarla! Prima però dovete assicurarvi che alla base ci siano dei nuovi getti.

Tagliate il fusto principale un paio di centimetri al di sopra dell’ultimo in alto di questi getti (potrebbero essercene su più internodi). Se sono più di uno lasciate i più grossi e levate gli altri, che indebolirebbero la pianta senza mai svilupparsi al meglio. Con la parte tagliata potete fare delle talee.

Le informazioni sulla coltivazione, sulle generalità e le caratteristiche di questa pianta provengono dalla scheda di coltivazione delle Nepenthes di © AIPC (Associazione Italiana Piante Carnivore) 2007 rev 2.0.0.

Esposizione

Luminosa o parzialmente soleggiata

Diametro

9 cm

Altezza della pianta

>5 cm

Grado di difficoltà

Medio

Terriccio

Per piante carnivore

Spedizione

Le spedizioni saranno sicure e veloci in 24/48h con corriere espresso al costo di 6,49€ e Gratuita sopra i 75€. Nel periodo invernale per salvaguardare le piante, le spedizioni partono dal lunedì al mercoledì per evitare lunghe giacenze.

Packaging

I nostri prodotti viaggiano in packaging protetti ed ecosostenibili per garantire la sicurezza necessaria.

Pagamenti sicuri

La sicurezza del cliente è fondamentale, per questo motivo i metodi di pagamento sono conformi agli standard PCI e supportano il check-out con 3D Secure.

Assistenza clienti

La nostra assistenza clienti è attiva dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00